L’eco

L’eco

Respiro, guardo verso il sole,
Vorrei prendere la linea con il suo cuore.
Il suo abbraccio è l’unico che ho
In questo mondo freddo che gira intorno a me.
Dirgli di abbracciarmi, riscaldarmi e asciugarmi le lacrime
E con il suo calore che sciolga questa bara di ghiaccio.
Farmi fiorire la terra che calpestano i miei passaggi,
Farmi sentire amata e darmi le ali per volare,
Colori dell’arcobaleno per colorare
E la nave per salpare nell’amore come nel mare.

Le promesse del mondo sono come le spine delle rose,
Ti fanno sentire l’amore poi te lo toglie e ti abbandona al dolore.
Non voglio odiare ma soltanto amare.
Non voglio dare il male ma solo il bene da ricordare.
Fato, insegnami ad abbagliare con il bene contro il male.
Insegnami a non perdere la strada, restare ferma
E con il cuore dare soltanto il bene, abbracciare e amare.
Ho bisogno della luce per ritrovarmi e risplendere un’altra volta,
Ho bisogno di toccare la sabbia e il mare,
Ho bisogno di sentire il vento sui miei capelli soffiare.
Sentire il profumo dell’erba appena tagliata
Sentire sotto il miei piedi la terra e correre via.
Sentirmi poi come una piuma che si alza nel volo senza paura.

Amare senza angoscia, pregiudizi e vergogna,
Con tutta me stessa senza perdere di vista la vita,
Perché mi sono persa da qualche parte tra la terra e il cielo
E mi aggrappo alla pioggia che cade sfrenante,
Lasciando cadere con disinvoltura ogni mia cellula.
Sento il respiro dell’anima che sprigiona il profumo di libertà,
Il canto dell’aria, la voce del silenzio che piomba
Con la velocità della luce e la confusione diventa ombra.
Sono una marionetta manovrata dal burattinaio che è il destino
Nel parco giochi della vita con dentro giostre d’illusioni
E tu cuore ribelle che sei il mio famoso e sincero paladino.
Mi ripeti sempre:”Andrà tutto bene!.”
Che diventa un eco nella mia mente.

~Elena Nen

Il mormorio degli astri

Il mormorio degli astri ~ Elena Nen

Il sole, la luna e le stelle stanno mormorando.
Guardano la Terra come si agita.
Cosa potranno mai ammirare?
Cosa potranno mai ascoltare ?
Se non il suono delle sue nuvole, delle acque e le montagne?
Se non il suono delle foreste e delle colline distese?
Una cosa c’è!
Il suono di quell’essere che vive, che ama e protegge la Terra.
Senza quell’essere la Terra potrà andare avanti, ma il suo canto sarà incompleto.
Scuotendo la testa, gli astri celesti, pregano per lei e per la vita che la popola . ~Elena Nen